ARTICOLI

FESTIVAL TÉLÉRAMA

Si è appena concluso in Francia il Festival Télérama 2016, un’iniziativa che permette di (ri)vedere ad un prezzo speciale i migliori film dell’anno al cinema.

Macon-festival-telerama-2016Télérama é un settimanale culturale molto diffuso nell’esagono, particolarmente forte sul cinema ; infatti i suoi lettori sono frequentatori incalliti di sale essai. La redazione Télérama seleziona ogni anno 16 “colpi di fulmine”, 16 film che ha particolarmente amato durante la stagione e che desidera riportarli in sala. Contratta così con i distributori i diritti e poi invita tutti i cinema interessati a iscriversi al festival.

Per la sala é molto facile. Si sceglie, tra il ventaglio di film, quali si vuole programmare e li si comunica al giornale (noi al cinema Pax ne abbiamo scelti 8). Iscrivendosi ci si impegna a proiettare solo i film del festival per tutta la settimana (almeno in una sala), facendo minimo due proiezioni per film. L’iscrizione per la sala è gratuita.

Nella prima metà di gennaio inizia la comunicazione : sulle pagine del settimanale viene pubblicata la lista delle sale aderenti, che proiettano il trailer ufficiale sui loro schermi. Poi, nelle edizioni del 13 e del 20 gennaio, all’interno del magazine si trova il pass da staccare e consegnare direttamente al cinema prima della proiezione. Lo spettatore riceve in cambio la tessera Télérama, con la quale due persone vedono tutti i film del festival a 3,50 €, in tutti i cinema aderenti. Senza il pass si applica la biglietteria normale.

Questo festival è molto interessante per i cinema che coabitano con un multisala, poiché permette di recuperare, in una settimana, alcuni titoli di rilievo che durante la stagione vengono dati in esclusiva ai Multiplex. Un esempio  di un monosala art et essai che convive con un complesso di 9 sale (città di 70.000 abitanti). Non avendo programmato quasi nessuno dei titoli 2016 durante il festival ha venduto 1000 biglietti in più rispetto alla settimana precedente (+ 248% !).

È redditizio anche per i cinema che con 7-8 proiezioni a settimana non riescono a mettere tutti che vorrebbero in cartellone. Con Télérama 8 proiezioni a settimana sono sufficenti per passare 4 dei migliori film della stagione.

CARTON TELERAMA PAX 2016Gli incassi sono da ripartire al 50 % con il distributore (senza minimo garantito, come di consueto in Francia sulle uscite nazionali), per cui i multisala, non interessati ad un prezzo così basso, raramente partecipano. Forse a torto, visto che al Pax il 50 % degli spettatori non avendo il pass ha pagato il biglietto pieno.

Il settimanale, dal canto suo, non prende nessuna quota sugli incassi ma fa molto marketing (raccogliendo nuovi abbonati, contatti email) e vende il maggior numero di esemplari dell’anno.

Quest’anno, alla 19esima edizione, hanno aderito più di 300 sale Art et Essai, un numero davvero elevato. Dei 16 selezionati,  7 titoli erano francesi: La legge del mercato (premio interpretazione maschile Cannes 2015), Dheepan (palma d’oro Cannes 2015), Marguerite, Comme un avion, Trois souvenirs de ma jeunesse, Fatima e il film d’animazione Phantom Boy (questi ultimi quattro non distribuiti in Italia).

Tra le coproduzioni francesi Much loved e il bellissimo candidato all’Oscar Mustang. Completano la selezione Phoenix, Taxi Téhéran, Louders then Bombs (che dopo gli attentati di Parigi é uscito in Francia con il titolo Back Home …), 3 film statunitensi, Irrational Man, Life e Birdman e un italiano, Mia Madre (che é piaciuto moltissimo in Francia ed è anche candidato al Cesar come miglior film straniero).

Capture teler

Lista delle proiezioni al Pax

I film più visti in generale sono stati Mustang (46.000 entrate), Fatima e Mia Madre (entrambi 29.000). Il film Back Home, con 20.000 spettatori, guadagna più del 20% della sua frequentazione globale. L’edizione ha registrato 320.000 ingressi, ottenendo il 12% della settimana cinematografica. Una bella riuscita per il cinema d’autore !

Gli spettatori, quindi, ci sono. Assieme alla federazione cinema d’essai francese e a Canal+, lo sponsor principale é la banca BNP Paribas, presente anche nel bel paese. Qualche settimanale culturale porterà presto il format in Italia ?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...