ARTICOLI

I FINANZIAMENTI E I FONDI ART-ET-ESSAI

Quanti fondi riceve un cinema francese per la sua programmazione ordinaria ?

CASH (1)Un primo sostegno arriva da Canal+. E sì ! La tv a pagamento più importante dell’esagono ha firmato una convenzione con la quale aiuta gli esercenti : 13 mln netti all’anno che una associazione distribuisce ai cinema francesi. Immagino l’azienda goda, grazie a questo contratto, di agevolazioni per l’acquisto dei film per i suoi canali. In ogni modo, il Pax nel 2015 ha ricevuto 900 € in questo modo.

Il sostegno più importante resta però pubblico ed é il classement art & essai des salles de cinéma ; una vera istituzione visto che tutti i francesi lo conoscono (« andiamo in un cinema art & essai… » si riferisce al classement).

Lo stato francese, tramite il Centro nazionale di cinematografia (CNC) sostiene le sale cinematografiche con un meccanismo assai complesso ma efficace che punta a sostenere la programmazione di film di qualità nelle sale, provenienti da tutto il mondo. Potremmo forse dire che é il cugino del nostro Schermi di qualità (che si limita ai film europei).

Il ranking avviene in base alla percentuale delle proiezioni dei film raccomandanti art et essai che il cinema ha passato nell’ultimo anno in rapporto al totale degli spettacoli.

CHI RACCOMANDA I FILM ?

cae_logo_variant_6L’associazione francese cinema arte e essai (AFCAE) visiona i film in uscita e, in base a dei parametri prescelti, attribuisce o meno il titolo Art & Essai.  Le definizioni dal loro sito parlano di film d’incontestabili qualità, riscuotenti o meno il successo di pubblico, oppure di film che riflettono la vita di un paese poco rappresentato sugli schermi francesi.

In aggiunta al classement, un film può ricevere tre etichette :

  1. pubblico giovane : se un film di qualità é adatto ai giovani
  2. ricerca e scoperta : « film di ricerca innovatori nel panorama cinematografico attuale »
  3. patrimonio : « film che rappresentano un interesse artistico o storico tanto da essere considerati dei classici dello schermo »

Per esempio, Il figlio di Saul é Art et Essai + Ricerca e scoperta, mentre Youth di Sorrentino é solo Art et Essai, come L’uomo irrazionale di Allen o Mia madre di Moretti.

Se si passano abbastanza film di ciascuna etichetta si può avere un ulteriore finanziamento (la qualifica Art & Essai rimane economicamente la più importante).

I BONUS E I MALUS

Un coefficiente maggioritario é applicato alla sala a seconda di : il numero di film proposti, le animazioni effettuate (tenendo conto dei mezzi che la sala dispone), il contesto sociologico (se collegata ad una grande città o isolata), cinematografico e la popolazione del comune dove la sala si trova.

Un coefficiente negativo é applicato in base a : lo stato fisico della sala, la diversità dei film proposti, l’insufficienza di funzionamento (al di fuori di periodi di ristrutturazione). Una sala deve essere aperta tutto l’anno (senza mesi di pausa come può accadere nei cinema vacanzieri) e fare un minimo di spettacoli (7 a settimana sono sufficienti).

In base a questi due coefficienti, la sala viene inserita in fasce : ciascuna fascia ha degli obbiettivi diversi per ottenere il finanziamento.

QUANTI FILM BISOGNA PASSARE ?

La risposta varia per ogni fascia. Nei comuni con più di 100. 000 abitanti sono necessari il 70% di spettacoli d’essai, mentre nelle zone rurali é sufficiente il 30%: è più difficile quindi essere un sala Art et Essai a Parigi rispetto che alle campagne della Normandia.

Ecco le quote che il cinema Pax deve raggiungere per ottenere i finanziamenti (per maggiori info sul contesto sociologico e cinematografico del Pax clicca qui)

con almeno
ART ET ESSAI > 50 % di film A&E sul totale della programmazione
Pubblico giovane 15 film 60 proiezioni
Ricerca e scoperta 25 film 175 proiezioni
Patrimonio 15 film 60 proiezioni
Le cifre si riferiscono all’anno solare 2015.

Il sistema é complesso ma preciso e trasparente. A fine anno una sala può sapere quanti film gli mancano per raggiungere un’etichetta o la classificazione, e adattare di conseguenza la sua programmazione. Si può sapere se un film é classificato o meno e con quale etichette sul sito dell’AFCAE, a volte già dalla sua uscita in sala.

A QUANTO AMMONTA LA SOVVENZIONE ?

Il cinema Pax, classificato Art e Essai, con due etichette (Pubblico giovane e Ricerca e scoperta) nel 2015 ha ricevuto 9.000 €, su un totale di 14,5 mln € assegnati dal CNC tramite questo meccanismo. 1159 i cinema beneficiari di cui 620 hanno guadagnato almeno un’etichetta.

Altri finanziamenti alle sale possono arrivare dalle collettività territoriali, Europa Cinémas,  AFCAE o da privati. Per esempio c’é un “aiuto al mantenimento di una programmazione difficile di fronte alla concorrenza“, per sostenere i cinema delle grandi città con programmazione esigente, tema d’attualità in Italia con la chiusura dell’Alcatraz di Roma.

Lo stato sostiene anche la ristrutturazione delle sale, in particolar modo tramite una Tassa Speciale sul Cinema, la TSA, applicata a ogni biglietto. Il governo italiano si vanta di copiare questa tassa di scopo ma per alcuni il recente ddl cinema é molto diverso dal virtuoso esempio francese. Appuntamento a mercoledì prossimo per scoprire come funziona !

Per approfondire : http://www.larp.fr/dossiers/wp-content/uploads/2010/10/Aides-%C3%A0-lexploitation.pdf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...