ARTICOLI

Il mediatore del cinema e la riforma dell’Art-et-Essai francese

A Cannes 2017 ho partecipato alle giornate organizzate dalla Associazione Francese Cinema Art-et-Essai (AFCAE) ; oltre alle proiezioni (tra cui il nostro L’intrusa che é molto piaciuto agli esercenti transalpini) ricco è stato il convegno sul ruolo del mediatore e sulla riforma francese dell’Art-et-essai. Ecco un breve riassunto per approfondire due idee all’avanguardia.

IEXE_Affiche_60x80_HDl mediatore del cinema

Parlando con il presidente della Fice, Dinoia mi esprimeva il suo rammarico perché nel recente DDL Cinema non c’è traccia della figura del Mediatore.
Chi è ? Il mediatore è la persona che, con un equipe, interviene quando c’é un conflitto all’interno dell’industria cinematografica. La sua attività riguarda soprattutto il rapporto tra esercenti e distributori (per le condizioni di accesso ai film).
Come funziona? La sala (o il distributore) che ritiene di aver subito un torto contatta il mediatore e spiega la situazione. Segue poi un incontro tra le due parti dove si cerca di risolvere il problema senza passare in sede giudiziaria. Il servizio del mediatore é gratuito e se alla fine della trattativa i soggetti non trovano un’intesa possono sempre  procedere per via legale.

Nel 2016 più della metà della 63 mediazioni sono state risolte positivamente. Questo permette di risolvere più velocemente e gratuitamente molti scontri. Considerando che in Francia sulle 2044 strutture cinematografiche, 1600 sono dei monosala, il mediatore permette ai pesci piccoli di far sentire la loro voce senza investimenti importanti.

L’industria culturale può assomigliare a un Far-West ; sia perché le nuove tecnologie cambiano velocemente il mercato sia perché le leggi sono in ritardo sul tempo. Il Mediatore rassicura le parti con il suo punto di vista neutro ; dopo il cinema anche nel campo della musica e dell’editoria è stata creata questa figura in Francia (e c’é chi lo vorrebbe estendere a altre industrie).

La Riforma Art-et-Essai

Le iniziative statali a sostegno dei film di qualità nelle sale francesi sono riconosciute come tra le migliori al mondo. Dal 2018 un riforma importante verrà messa in atto per migliorare ancora il sistema.

Un obbiettivo è la semplificazione della procedura per avere i finanziamenti. La procedura richiedeva ad oggi un dossier annuale e tre livelli di analisi. Dopo la riforma si dovrà fare un dossier ogni due anni e ci saranno solo due livelli di analisi (come sono logici ‘sti francesi!)

L’altro obbiettivo è sostenere le sale più implicate nella programmazione di qualità. Tra le varie riforme quella più interessante è la creazione di un fondo per i “film fragili”. Si tratta di film distribuiti in meno di 80 copie e classificati Ricerca-Scoperta (circa 100 film all’anno). Il fondo è di 500.000€ e sosterrà le sale che passano questi film, in aggiunta del finanziamento Art-et-Essai standard, che viene a sua volta rafforzato da un premio per le etichette di 500K€.

Daniel BlakeNel 2016 il fondo Art-et-Essai del CNC era di 14,9 MLN € mentre nel 2017 passerà a 17 MLN€ : 16MLN€ dell’Art-et-Essai + 1MLN€ per i film fragili e il premio delle etichette. Questi fondi sono finanziati dalle tasse sul cinema (vedi TSA) che continuano a crescere visto l’anno record di presenza nelle sale nel 2016 (e ad oggi il 2017 é a +1% rispetto al 2016!). Non solo una scelta voluta dall’alto perché l’Art-et-Essai progredisce meglio dei film commerciali in percentuale. (Per fare un esempio Io, Daniel Blake ha incassato in Francia il 34% delle sue incassi totali, davanti persino alla Gran Bretagna con 20,5%. Terza l’Italia con 8,7%).

Cambiamento di rotta

afcae logo

Parlando con degli esercenti francesi mi sembrano soddisfatti di questa nuove riforma e anche del cambiamento di gestione della AFCAE. Con il nuovo presidente, più giovane nello spirito e nel funzionamento, l’associazione si é resa più dinamica. Non solo con questa riforma, ma nel modo di comunicare agli aderenti, nella carta grafica (nuovo logo) e nella comunicazione esterna. Con il problema dell’invecchiamento del pubblico Art-et-Essai questo é un bel passo in avanti.

Ps : se si cerca AFCAE su Google la prima foto che comprare è quella del mio cinema !

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...